In linea generale le associazioni si distinguono in:

– associazioni riconosciute: sono quelle che hanno chiesto ed ottenuto il riconoscimento giuridico. Per ottenerlo occorre dimostrare di disporre di un patrimonio sufficiente al raggiungimento dello scopo, costituirsi con atto pubblico e presentare istanza alla Prefettura
– associazioni non riconosciute: sono quelle che non hanno richiesto il riconoscimento oppure quelle che, avendolo richiesto, non l’hanno ottenuto

La differenza probabilmente più importante tra le due figure è la c.d. autonomia patrimoniale che nel caso delle associazioni riconosciute è “perfetta”, mentre per le non riconosicute è “imperfetta”.

Cosa significano tali espressioni?

Per autonomia patrimoniale perfetta si intende che vi è una indifferenza assoluta tra il patrimonio dell’ente e quello dei singoli membri dello stesso. La conseguenza principale è che l’ente risponde delle obbligazioni contratte ESCLUSIVAMENTE con il proprio patrimonio. Godono di tale posizione anche le società di capitali e le fondazioni

Per autonomia patrimoniale imperfetta, al contrario, si intende sussitenza di una responsabilità concorrente con quella dell’ente in capo ai responsabili della gestione dello stesso, per le obbligazioni contratte nell’interesse dell’ente stesso.

Il riconoscimento della personalità giuridica è una procedura prevista e disciplinata dal d.P.R. n.361/2000. Occorre premettere che, in tutti i casi, l’associazione che richiede il riconoscimento dovrà essere stata costituita per atto pubblico, e dovrà sussistere un patrimonio sociale sufficiente allo scopo.

In possesso di tali requisiti sarà successivamente necessario presentare istanza alla Prefettura competente.

A corredo dell’instanza dovranno essere allegati:
– due copie dell’atto costitutivo e dello statuto
– una relazione sull’attività concretamente svolta
– una relazione sulla situazione economico finanziaria
– una copia dei bilanci preventivi e consunti dell’ultimo triennio
– l’elenco dei componenti gli organi direttivi dell’associazioni, oltre al numero dei soci

L’autorità competente verificherà la sussitenza delle condizioni, il procedimento deve concludersi entro 120 giorni. L’eventuale riconoscimento della personalità giuridica comporterà, quale conseguenza più importante, l’acquisizione della già citata autonomia patrimoniale perfetta.

L’associazione, ovviamente, potrà continuare a godere del regime agevolato di cui alla legge n.398/1991.

Avv. Marco Bini

Condividi l'articolo