Secondo la Corte di Cassazione (sent. 43623/2018), in tema di reati contro la libertà sessuale, deve escludersi l’attenuante della minore gravità del fatto nel caso in cui la condotta sia stata tenuta ai danni di una minore nell’ambito di un rapporto fiduciario di affidamento tra autore del reato e vittima.

Nella fattispecie si era verificata una violenza sessuale commessa da un insegnante ed educatore nei confronti di una bambina di anni 10 a lui affidata

Avv. Marco Bini

Condividi l'articolo